Denti bianchi? L’ablazione del tartaro è indispensabile!

Quella che comunemente viene chiamata pulizia dei denti è un’operazione effettuata per proteggere la salute della bocca ed il termine tecnico per definirla è detartrasi, o ablazione del tartaro.

Questa procedura deve essere necessariamente effettuata presso lo studio del dentista, da odontoiatri o igienisti dentali, con l’impiego di specifici strumenti che consentiranno la rimozione di tutto il tartaro presente nel cavo orale, anche quello più in profondità. Infatti, lo strumento professionale chiamato “curette”, consentirà di rimuovere i residui di tartaro non soltanto presenti in superficie, ma anche quello sottogengivale che è il più pericoloso per la salute del cavo orale.

La formazione del tartaro è causata dalla solidificazione della placca, che a sua volta si forma sui denti quando i detriti di cibo non vengono rimossi in maniera tempestiva e corretta tramite i presidi di igiene orale domiciliare. Il tartaro si forma dopo circa 48 ore dalla mancata rimozione della placca, ragion per cui è facile capire quanto l’impiego di spazzolino da denti, dentifricio e filo interdentale possano essere validi alleati contro questo nemico. Questi però da soli non sono a sufficienti e tutti gli esperti sono concordi sulla necessità di eseguire la detartrasi professionale almeno due volte l’anno.

L’accumulo di tartaro rappresenta infatti un fattore da non sottovalutare e che, inoltre, potrebbe trasformarsi in un fattore di rischio per lo sviluppo di altre patologie.

La formazione di tartaro può anche essere peggiorata in presenza di una predisposizione genetica, oppure dall’assunzione di comportamenti considerati a rischio, quali ad esempio il fumo. Questo potrebbe portare a conseguenze spiacevoli, quali la proliferazione di carie, gengiviti e, nei peggiori dei casi, allo sviluppo della parodontite.

La detartrasi è estremamente importante perché dà la possibilità di effettuare una pulizia profonda che comprende anche la radice del dente e che va a ridurre notevolmente la proliferazione dei batteri parodontali ed il conseguente sviluppo di tasche parodontali. Ancora più efficace sarà la pulizia dentale professionale eseguita con l’ausilio del microscopio operatorio, in quanto la maggiore visibilità permetterà all’operatore di essere più preciso nella rimozione dei detriti.

Come funziona la detartrasi?

L’esecuzione dell’ablazione del tartaro consiste in una sollecitazione meccanica mirata alla rimozione dello stesso dalla superficie dei denti sia nella parte superiore che sottogengivale.

Questa operazione non è particolarmente dolorosa, provoca soltanto un lieve fastidio che però può essere evitato effettuando con regolarità la pulizia professionale a opera di igienisti dentali ed odontoiatri.

Contatta il tuo odontoiatra di fiducia per effettuare una valutazione dello stato di salute della tua bocca e prendi appuntamento per una seduta di igiene orale professionale.

Informazioni sull'autore

Scrivici per fissare un appuntamento
Torna su