Denti erosi e faccette dentali: soluzione possibile?

L’erosione dentale provoca il danneggiamento dello smalto dei denti, andando ad intaccare l’aspetto estetico della bocca e creando imbarazzo in coloro che soffrono di questa patologia. Le faccette dentali rappresentano una soluzione immediata ed indolore a questa problematica.

Veneers” o faccette estetiche sono altri nomi con i quali sono conosciute le faccette dentali, piccoli involucri realizzati in porcellana o in ceramica che vengono applicati sul dente danneggiato con lo scopo di restituire alla bocca un aspetto sano e curato.

Grazie all’applicazione di queste faccette, i denti torneranno ad avere un colorito bianco ed una struttura regolare, proteggendo il cuore di dentina anche da possibili attacchi batterici.

Ma quali sono i pro e i contro nella scelta di applicare faccette dentali ai denti colpiti da erosione dentale?

Quali sono i vantaggi delle faccette dentali?

Lo scopo principale delle faccette estetiche è quello di donare nuovamente un aspetto sano alla bocca, ricreando l’ottimale armonia tra gli elementi dentali e migliorando il sorriso.

Ulteriori vantaggi nella scelta di queste soluzioni sono:

  • Miglioramento della masticazione
  • Denti più bianchi, lucidi e privi di macchie
  • Risoluzione di eventuali problemi di scheggiatura della superficie dentale
  • Correzione di eventuali diastemi, ovvero della spaziatura tra i denti
  • Risoluzione di problematiche legate al disallineamento dentale
  • Risoluzione di menomazioni provocate dalla malattia parodontale

Quali sono gli svantaggi delle faccette dentali?

Se invece si analizzano i possibili svantaggi dati dalla scelta di applicare faccette dentali sui denti soggetti ad erosione, è bene tenere presente la limatura del dente sul quale devono essere applicate. Per l’applicazione è infatti necessario che l’odontoiatra rimuova una porzione di smalto dentale originale, equivalente in termini di spessore alla fascetta estetica che dovrà essere applicata.

Questa operazione richiede particolare cura per non creare un brutto “scalino” nel quale potrebbero accumularsi placca e residui di cibo, e che potrebbe risultare poco piacevole dal punto di vista estetico.

Durata delle faccette dentali

Le faccette dentali possono essere applicate più volte nel corso della vita di un paziente: è bene considerare infatti che la loro durata media è di circa 10 anni.

Questo periodo è del tutto indicativo perché ampiamente condizionato sia dalle abitudini alimentari del paziente, che dall’igiene del cavo orale.

Le faccette dentali possono staccarsi o rompersi?

Le faccette dentali possono staccarsi? Si tratta di un dubbio che attanaglia sicuramente tutti coloro che devono ricorrere a questo intervento per risolvere problemi legati all’erosione dentale. La “decemenazione” o distacco della faccetta dentale è una situazione che può verificarsi, ma solo se l’applicazione sulla superficie dentale non è stata effettuata con la giusta attenzione da parte dell’odontoiatra.

Per quanto concerne invece la rottura delle faccette dentali, è bene comprendere che queste soluzioni sono progettate per sopportare le sollecitazioni legate alla masticazione. È importante tenere presente però che il bruxismo, ovvero la tendenza a digrignare i denti, così come la masticazione di penne e matite, il vizio di mordersi le unghie, nonché l’abitudine di consumare con frequenza cibi molto duri, potrebbe mettere a dura prova la resistenza anche delle faccette dentali di migliore qualità.

Per questa ragione il professionista al quale farete affidamento dovrà valutare con estrema attenzione la presenza di anche solo un fattore che potrebbe andare ad inficiare sulla resistenza delle faccette, nonché stabilire quelle più adatte per voi.

Informazioni sull'autore

Scrivici per fissare un appuntamento
Torna su