Corone dentali o impianti dentali? Ecco la differenza

Corone dentali ed impianti dentali vengono spesso confusi, ma in realtà sono due soluzioni odontoiatriche molto diverse tra loro, che presentano differenti caratteristiche ed applicazioni.

Le corone dentali, o capsule dentali, identificano specifici dispositivi odontoiatrici impiegati per il rivestimento, la protezione ed il rinforzo della superficie di un singolo dente. Queste vengono solitamente applicate su elementi molto danneggiati, a causa di carie profonde e rotture.

Al contrario gli impianti dentali non vanno a ricoprire elementi danneggiati, bensì sostituiscono anche la radice naturale del dente mancante. Questa differenza è sostanziale, rendendo facilmente comprensibile la ragione per cui queste due soluzioni trovino impieghi differenti.

Quando si ricorre ad una o più corone dentali?

Le corone dentali hanno lo scopo primario di proteggere un elemento dentale. Il dentista può scegliere di ricorrere all’applicazione di una o più corone dentali in molteplici casi:

  • denti naturali sono molto danneggiati o indeboliti, a tal punto da rendere impossibile un normale intervento di ricostruzione con materiale composito
  • Il dente naturale è presente ma molto fragile e con tendenza a fratturarsi
  • Il dente naturale è stato colpito da una carie particolarmente profonda e invalidante, tanto da richiedere una devitalizzazione. L’impiego della capsula dentale ridurrà il rischio di fratture successive a tale operazione
  • Uno o più elementi dentali sono soggetti ad una progressiva distruzione dello smalto, risultando di conseguenza indeboliti.

Corone dentali: come si applicano?

Le corone dentali vengono applicate previa la devitalizzazione del dente colpito. Fatto ciò si procede alla “monconizzazione” dello stesso, limandolo sui cinque lati scoperti, in maniera tale da ottenere lo spessore e le dimensioni reali per l’applicazione della corona dentale che andrà a sostituirlo sia a livello funzionale che estetico.

Il dente così rimodellato verrà poi sottoposto ad una dettagliata impronta, dalla quale si procederà alla realizzazione della corona artificiale, applicata in versione provvisoria in attesa di quella definitiva.

Di quali materiali sono fatte le corone dentali?

materiali impiegati per la realizzazione delle corone dentali sono differenti, e per la scelta è importante valutare ogni singolo caso e le specifiche necessità di ciascun paziente.

Le corone dentali più utilizzate sono:

  • Corone dentali in zirconio, ovvero le più moderne ed efficaci, in grado di assicurare resistenza elevatissima alle sollecitazioni (fino al 50% in più). Anche a livello estetico offrono ottimi risultati, risultando inoltre più leggere delle classiche in metallo-ceramica
  • Corone dentali in ceramica in due sezioni: la prima, interna, costituisce l’armatura metallica capace di assicurare solidità e resistenza, mentre il rivestimento esterno è composto da leghe metalliche oro o platino, oppure cromo-cobalto o materiale ceramico
  • Corone dentali in metallo e resina, più economiche rispetto alle altre soluzioni, caratterizzate da una buona resa estetica, ma una minore resistenza alle sollecitazioni
  • Corone dentali in resina, completamente realizzate in questo materiale e generalmente provvisorie, ossia applicate sul dente in attesa della capsula definitiva.

Le corone dentali, essendo disponibili in differenti materiali, possono avere costi molto variabili tra loro che, in linea generale, oscillano tra i 400 ed il 700 euro.

Informazioni sull'autore

Scrivici per fissare un appuntamento
Torna su