Microbiota orale: conoscerlo per scoprire l’infertilità legata alla parodontite

Cos’è il microbiota orale? Perché è importante per diagnosticare una possibile infertilità femminile causata dalla parodontite?

Il microbiota orale è di fondamentale importanza per diagnosticare un’eventuale infertilità femminile causata dalla presenza di parodontite perché queste due problematiche sono collegate da un legame strettissimo.

È ormai risaputo che la parodontite può portare infertilità maschile e femminile ma, soprattutto nelle donne, è comprovato che la presenza di questa problematica del cavo orale riduce sensibilmente la probabilità di concepire un figlio.

Quali sono le ragioni per cui il monitoraggio e lo studio del microbiota orale sono tanto importanti nella donna? Essenzialmente, perché gli ecosistemi del distretto orale e quello uro-genitale mostrano molte similitudini, e perché quest’ultimo offre terreno fertile per ospitare eventuali tossine provenienti proprio dalla bocca.

La parodontite, malattia provocata da un’aggressione batterica ai danni dei tessuti che sostengono il dente, e che nelle sue fasi finali provoca la caduta degli elementi colpiti, causa il rilascio di tossine che entrano in circolo in tutto il corpo e che, in presenza di una gravidanza, possono raggiungere persino il liquido amniotico e scatenare una risposta infiammatoria che può rivelarsi causa di aborti e parti prematuri.

Il dottor Francesco Martelli, fondatore delle sedi IMI-EDN, ha portato più volte alla luce questa importante connessione, facendo riferimento anche ad uno studio eseguito qualche anno fa dalla Western University of Australia su un campione di 3 mila donne. Nel corso di questa analisi è stato dimostrato che le donne che soffrivano di parodontite hanno impiegato in media un tempo maggiore per rimanere incinte, sette mesi contro i cinque delle pazienti non affette da questa problematica.

Microbiota e sanguinamento gengivale: ecco come la parodontite può andare a influenzare l’apparato genitale

A causa dell’infiammazione provocata dai batteri i vasi sanguigni si rendono più permeabili per permettere il passaggio delle piastrine e delle altre cellule atte a difendere il nostro organismo da questi processi di flogosi. Questa aumentata permeabilità vascolare fa in modo che i batteri e i virus si possano immettere nel torrente circolatorio e disseminarsi in tutto l’organismo. Perché però attaccare proprio l’apparato uro-genitale? Come evidenziato, il microbiota di quest’area del corpo e della bocca presentano molteplici similitudini, e si rivelano dunque essenziali per diagnosticare la presenza di eventuali batteri dannosi.

Il microbiota orale può essere definito come la comunità costituita da batteri, miceti, virus e parassiti che, organizzati in ecosistemi, operano in maniera differente per assicurare la salute dell’organismo. Nel momento in cui i batteri carichi di tossine presenti nella bocca vanno a stravolgere uno di questi ecosistemi presenti nell’organismo possono nascere problematiche, come appunto il caso dell’infertilità legata alla parodontite.

Nelle sue sedi, il dottor Martelli impiega un nuovo metodo d’azione per contrastare la piorrea e ripristinare l’equilibrio del microbiota. Ha scelto infatti di ridurre l’impiego del bisturi a favore del laserprevenendo quindi anche il danneggiamento del microbiota intestinale a seguito dell’impiego di antibiotici. Con questa metodologia è possibile andare ad operare e intervenire solo sui batteri patogeni responsabili della parodontite, ripristinando l’equilibrio della bocca in ogni donna e, conseguentemente, difendendo anche quello del suo apparato uro-genitale.

Informazioni sull'autore

Scrivici per fissare un appuntamento
Torna su