Denti da latte: tutto quello che è importante sapere

denti da latte, i primi che spuntano nella bocca dei bambini sin dalla tenera età, a cosa servono e perché cadono?

Quando si parla di denti da latte ci si riferisce ai primi dentini che vanno a completare la bocca del bambino e che solitamente iniziano a spuntare attorno al sesto mese di vita. Questi, che prendono il nome anche di denti decidui, temporanei o primari, completano la dentatura provvisoria del bambino attorno ai due anni d’età.

In totale i denti da latte sono 20, suddivisi in 5 per semiarcata, ognuna delle quali possiede:

  • 2 denti da latte incisivi (laterale e centrale)
  • 1 dente canino
  • 2 molari (denominati primo e secondo)

I denti da latte cominceranno poi a cadere spontaneamente attorno ai sei anni d’età, lasciando lo spazio necessario alla formazione di quelli permanenti.

Denti da latte: perché e quando cadono?

Come accennato nel paragrafo precedente, i denti da latte tendono a cadere attorno ai sei anni d’età. Questo processo prende il nome di permuta e sta appunto ad indicare la caduta dei denti decidui per far spazio a quelli permanenti.

L’ordine di caduta è solitamente lo stesso con il quale i denti sono emersi, ovvero incisivi centrali inferiori, superiori, primi molari, canini e secondi molari.

Il processo di perdita dei denti da latte è solitamente indolore, salvo nei casi in cui il dentino “penzoli” dalla gengiva del bambino. Per questa ragione è sempre utile tenere sotto controllo la bocca dei più piccoli, verificando che le gengive non siano rosse o infiammate, fenomeno che solitamente si manifesta nei giorni che precedono la nascita dei denti definitivi. Alcuni bambini potrebbero lamentare dolori, fastidi e febbre, ragion per cui è in questi casi consigliabile rivolgersi al pediatra che, dopo una diagnosi mirata, valuterà se sia necessaria o meno l’assunzione di antinfiammatori.

Un fatto curioso evidenzia che solitamente le bambine sono più precoci rispetto ai maschietti, ovvero che tendono a perdere prima i denti da latte rispetto ai coetanei di sesso opposto.

A cosa servono i denti da latte?

Seppur col tempo destinati a sparire del tutto, i denti da latte ricoprono un ruolo di fondamentale importanza nella bocca del bambino perché rappresentano una sorta di “traccia” per i denti permanenti. Contribuiscono inoltre a garantire un’adeguata masticazione e fonazione, oltre a una corretta crescita ossea.

Molto spesso viene tralasciata l’importanza dei denti nello sviluppo del linguaggio del bambino. La loro presenza consente in realtà di favorire la corretta pronuncia delle consonanti, offrendo quindi la possibilità al piccolo di esprimersi e farsi capire da chi ha attorno già nei primi anni di vita.

La caduta dei denti da latte è bene rispetti le sue naturali tempistiche, così da non ostacolare la formazione di quelli permanenti, provocando malocclusioni dentali. Nel caso in cui la caduta si presenti a seguito di traumi o comunque non avvenga secondo il naturale processo di crescita del bambino, sarà utile confrontarsi con un odontoiatra per intervenire in maniera corretta, così da evitare il presentarsi di problematiche future al cavo orale.

I denti da latte possono cariarsi? Questa domanda spesso sorge spontanea e la risposta è affermativa: anche i denti da latte possono essere soggetto di carie. In questo caso è sempre necessario rivolgersi al proprio dentista che, nella maggior parte delle circostanze, deciderà di praticare un’otturazione per consentire al dente di rimanere al suo posto fintanto che non nascerà il suo omologo definitivo. Il problema della carie ai denti da latte, se trascurato, può infatti dar adito a cadute precoci, promotrici di un cattivo allineamento nella dentatura definitiva.

Si può quindi affermare che, anche in presenza di denti da latte, è indispensabile prendersi cura della bocca ed effettuare periodiche visite di controllo dal dentista per valutare lo stato di salute del cavo orale, ed evidenziare preventivamente la presenza di eventuali problematiche che potrebbero manifestarsi in futuro.

Informazioni sull'autore

Scrivici per fissare un appuntamento
Torna su