I professionisti della parodontite

EDN for Jazz

Excellence Dental Network

Excellence Dental Network, parallelamente alle attività di ricerca, educazione e sensibilizzazione sul tema delle patologie del cavo orale, ha deciso dal 2015 di investire in un marketing di tipo culturale, promuovendo un quintetto di brillanti musicisti Jazz conosciuti a livello internazionale.

Questa scelta di marketing culturale coerente, stabile e soprattutto “creativo”, rappresenta la testimonianza della responsabilità etica e sociale di EDN per le proprie attività. Questo oggi, nel momento in cui imprese e finanziamenti privati sono chiamati a giocare un ruolo decisivo nella vita, nella crescita e nella diffusione dell’arte e della cultura in tutto il mondo.
L’odontoiatria e la ricerca avanzate di EDN rispondono dunque contestualmente ai nuovi bisogni e ai nuovi “diritti culturali” della società contemporanea, con un’azione dinamica e ampia rivolta alla dimensione artistica, culturale, sociale e alla nuova economia – sempre meno industriale e sempre più relazionale – costruita sul capitale sociale, in cui la cultura rappresenta un fattore decisivo per cambiare il corso del futuro.

EDN JAZZ QUINTET “featuring Ginger Brew” è un’elegante e ricercata formazione jazz che vede unirsi, con grande equilibrio esecutivo, intensità emotiva ed interpretativa, affermati e appassionati musicisti come Fulvio Chiara alla tromba, Maurizio Cortese al contrabbasso, Fabio Gorlier al piano, Danilo Martelli alla batteria, Marco Pezzutti al sax, con la collaborazione della cantante Ginger Brew – molto conosciuta in Italia come voce solista nelle tournée del cantautore Paolo Conte.

Il gruppo è in tour costante in l’Italia e all’estero per interpretare il jazz più raffinato e, appunto, per far conoscere l’impegno particolare e la sensibilità di EDN – che sostiene EDN JAZZ QUINTET quale parte del più ampio progetto “EDN FOR ARTS, CULTURE, SOCIAL”, iniziativa globale di marketing culturale e di eventi predisposti e sostenuti direttamente “in house” da EDN in cui si generano e sperimentano nuove proposte artistiche, performances, eventi culturali ed iniziative di carattere sociale e solidale. Attraverso il dialogo, l’incontro e la diffusione di idee innovative, si caratterizzano così le best practices di quest’azienda decisamente “culture oriented”, con la musica, e il jazz in particolare, come concreta opportunità di materializzare forme, estetiche e poetiche musicali e nuova creatività.

Un ringraziamento speciale per questa nuova entusiasmante avventura va al nostro CEO (nonché colonna portante del quintetto, alla batteria) Danilo Martelli, che con passione ci ha fatto conoscere ed amare questo intramontabile e raffinatissimo genere musicale, ed al nostro PR Roberto Messina, che da amante delle cultura e della buona musica si è subito interessato e prodigato per il progetto “EDN for JAZZ”.

 

Scarica qui la rassegna stampa del progetto EDN JAZZ

Prossime date:

 

Il repertorio dell’EDN JAZZ QUINTET


Abbraccia i grandi classici del jazz e della musica brasiliana, riprendendo e reinterpretando celebri composizioni di Count Basie, Lester Young, Miles Davis, Chet Backer, Duke Ellington, Hank Mobley, John Coltrane, Thelonious Monk ed altri “mostri sacri” del genere americano, con i loro intramontabili ed inesauribili successi.
Si spazia anche sul fronte sudamericano, con i brani più famosi di Tom Jobim, Vinicius de Moraes, Joao Gilberto e Caetano Veloso. La voce di Ginger Brew riporta in vita le sofisticate atmosfere dei locali notturni di New York degli anni ’40 e ’50, con i grandi classici di Billie Holiday e Ella Fitzgerald, mentre il fraseggio essenziale e limpido di Fulvio Chiara, uno dei più sensibili e preparati trombettisti italiani, contribuisce ad accendere il ricordo di Miles Davis e Chet Backer.

heading

EDN JAZZ QUINTET featuring GINGER BREW

Ginger Aramansa Brew (featuring)
Nata in Ghana, italiana di adozione e cittadina del mondo per inclinazione naturale, ha iniziato a cantare in tenera età, ispirata dal padre O. H. Kwesi Brew, diplomatico, ex Ambasciatore del Ghana, scrittore e poeta (si ricorda il libro “The shadows of laughter”). Gli spostamenti al seguito del padre hanno fatto sì che Ginger frequentasse scuole negli Stati Uniti, Messico, Inghilterra, Libano, sviluppando una preparazione musicale su jazz, soul, rhythm & blues, afro gospel, reggae e calypso. La sua crescita è stata arricchita dagli incontri e collaborazioni con grandi personalità come Maya Angelou, scrittrice (“I know why the caged bird sings”) attrice e grande amica di famiglia. Come solista, ha inciso diversi single (per la sua calda voce è molto richiesta negli studi di registrazione). Ha poi lavorato con artisti e gruppi africani come Boombaia e Guy Warren. Nel 1990 avvia la collaborazione con il cantautore Paolo Conte, registrando come backing vocals il disco “Parole d’amore scritte a macchina” e partecipando alla tournée relativa al disco stesso. Nello stesso periodo, ha preso parte al “North sea Jazz festival” di Den Haag e al festival jazz “Gerard Philip” a Saint Tropez; poi ha cantato allo Sporting di Montecarlo, alla Carnegie Hall di Londra, ed è stata in cartellone per venti giorni al teatro Olympia di Parigi. Ha poi lavorato con Adriano Celentano, Bobby Durham, Art Farmer, Gianni Basso e ha preso parte a produzioni cinematografiche e teatrali.
Nel 1997 è diventata voce solista nel tour italiano ed europeo di Paolo Conte, registrando ancora una volta per il cantautore nell’album “Razmataz”. Ha partecipato come vocalist alla tournée italiana di Mariah Carey e alla trasmissione “X Factor”, come corista dell’artista statunitense. Scrive testi e collabora con musicisti italiani e stranieri come Phil Collins con cui ha partecipato al programma Rai “Che tempo che fa”.

Fulvio Chiara

IMG_3849-6Fin da giovanissimo si avvicina allo strumento come autodidatta. Dopo alcuni anni come componente di gruppi di musica leggera a livello nazionale, si concentra sul Jazz e diviene membro del quintetto di Diego Borotti, con due primi premi al concorso indetto dall’AMJ per giovani talenti emergenti al “Grand Prix du Jazz” di Aosta. Il premio come “miglior solista” 1992 consegnatogli da Wynton Marsalis gli permette di partecipare al Festival di Umbria Jazz.
Nel 1994, vincitore come prima tromba al concorso indetto dalla CEE, partecipa all’orchestra di Formazione Professionale del Paese degli Specchi di Bologna, collabora con artisti di fama internazionale come Kenny Wheeler, George Russel, Bruno Tommaso. Svolge attività di free-lance collaborando con Furio Di Castri, Flavio Boltro, Gianni Basso, Tullio De Piscopo, Fabrizio Bosso, Steeve Grossman, Lee Konitz.
A New York ha suonato con Roy Hergrove, Manny Duran, Ralph La Lama. Docente al Centro Jazz e alla Scuola Civica di Torino, col fratello Claudio ha partecipato alla tournée del gruppo “Gianni Cazzola Bop Quintet”. Come arrangiatore e compositore, ottiene entusiastiche recensioni dei dischi AT HOME e DUO. Fa parte del sestetto di Rossana Casale, col quale incide il suo ultimo disco. Ed è tromba solista della Torino Jazz Orchestra. Dal 2006 si dedica alla composizione, con 10 cortometraggi d’animazione. Dal 1997 è docente della scuola Civica di Torino, dal 2007 dell’Istituto Musicale Città di Rivoli e dal 2006 della “Scuola Sperimentale di Cinematografia di Roma”.

Maurizio Cortese

Ha studiato al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino, per poi collaborare con vari musicisti italiani, facendo parte di gruppi legati in particolare al bebop. Ha suonato, insieme a Danilo Martelli, in formazioni di musica sudamericana. Ha partecipato ad alcune rassegne jazzistiche, come il festival Jazz di Roccella Jonica, e per un periodo ha vissuto a Lione, in Francia, suonando con artisti locali, soprattutto all’ Hot Club, il jazz club più importante della cittadina francese.
IMG_3944

Fabio Gorlier

Diplomato in pianoforte al Conservatorio “G. Verdi” di Torino, dopo aver studiato al Civico Istituto Musicale di Alba sotto la guida di Valter Protto, ed essersi perfezionato al Conservatorio di Alessandria. Si è accostato al jazz, partecipando ai corsi di pianoforte e armonia moderna al Centro Jazz di Torino, ai Seminari internazionali di Siena, Arquato Jazz e Nuoro Jazz, e studiando con i più grandi nomi del jazz italiano, tra i quali Enrico Rava e Paolo Fresu.
Ha approfondito lo studio della musica anche a livello universitario, laureandosi in DAMS e in Storia della musica presso l’Università di Torino, con un periodo di studi di Musicologia dell’Università «Rabelais» di Tours.
E’ impegnato in un’intensa attività concertistica che spazia dalla musica classica a quella moderna, con particolare predilezione per il jazz. Ha partecipato, in varie formazioni, a numerose rassegne: Torino Jazz Festival, Time in Jazz di Berchidda, Mito, Dolomiti Ski Jazz, Veneto Jazz, Avigliana Jazz Festival, esibendosi in teatri importanti come La Fenice di Venezia e l’Auditorium “Agnelli” di Torino. Ha suonato all’estero e si è esibito con vari musicisti importanti come Billy Cobham, Furio di Castri, Paolo Fresu, Roberto Gatto, Gianni Cazzola, Tullio de Piscopo e Attilio Zanchi.
Ha svolto anche attività giornalistico-musicologica, collaborando con l’Istituto per i Beni Musicali del Piemonte, le riviste “Il Giornale della Musica” e “Analyse Musicale”, la stagione musicale “L’altro Suono” e il Teatro di Arezzo. E’ insegnante di pianoforte classico, jazz e moderno, e pianista accompagnatore.

Danilo Martelli

Diplomato alla scuola di Jazz di Torino, ha studiato con grandi maestri della batteria come Giorgio Gandino, Franco Mondini e Tullio De Piscopo, per seguire successivamente i corsi di perfezionamento a Boston, presso il “Berkeley College of Music”.
Ha trascorso più di dieci anni in Sud America, dove, avendo suonato con musicisti brasiliani e cubani, ha avuto modo di specializzarsi sui ritmi locali come bossa nova, samba, charanga, cumbia, che fanno parte anche della tradizione musicale jazzistica. Ha passato gli ultimi tre anni in Australia, dove ha suonato con varie formazioni, tra cui il gruppo di latin jazz di Jaki Vallejo, una delle migliori cantanti locali. Vive attualmente a Londra.
IMG_3944

Marco Pezzuti

Inizia a 12 anni sul basso elettrico, per poi passare al saxofono a 16 anni studiando con i grandi maestri del jazz italiano come Gianni Basso, Claudio Fasoli, Maurizio Giammarco. Attivo con varie formazioni a Torino dal 1978, ha fatto parte del quartetto di saxofoni “Sax Appeal” e del quintetto d’impronta hard bop “Blessing Quintet”.
Ha collaborato con varie big band, tra cui quelle di Gianni Basso, Giancarlo Gazzani e Arnaldo Ciato. Insieme a Ciro Buttari e Massimo Cartello, quindi con il regista Tonino De Bernardi realizzando colonne sonore dal vivo in numerosi festival del cinema, tra cui Locarno e Rotterdam.
Suona il sax tenore, il sax soprano ed il flauto traverso.

Per informazioni su prossime date o su come organizzare un concerto

Ufficio Stampa EDN – tel. 055 281619
Direzione artistica EDN CULTURA – Roberto Messina – cell. 393 9430866
Contatti e info:
EDN JAZZ QUINTET c\o EDN – Excellence Dental Network
Via dell’Ariento, 4 – 50123 Firenze – roberto.cloe@libero.it

Guarda le foto dell’EDN Jazz Quintet in concerto a Cherasco (Torino)

Per maggiori informazioni o prenotare una visita